La Sindone alle sorgenti del mistero. Con tavole di Luigi Cola

La Sindone alle sorgenti del mistero. Con tavole di Luigi Cola

di Emanuela Marinelli,Michele Miscia

La Sindone è un oggetto straordinario. A sentirne parlare per la prima volta, sembra incredibile. Possibile che si sia conservato l'autentico lenzuolo funebre di Gesù Cristo? E che abbia pure la sua "fotografia" impressa sopra? Per molti, l'enormità di queste affermazioni è un ostacolo invalicabile: non si interessano di un oggetto che, a prima vista, ha poche possibilità di essere autentico. Nella fragilità di un antico lenzuolo è racchiuso il più grande mistero di tutta la storia. Una tenue impronta umana affascina e inquieta generazioni di pellegrini e scienziati: davvero quel lino avvolse il corpo esanime di Cristo per poche ore, nel sepolcro? Davvero quell'ombra è testimone di una grande luce? Non potrebbe, invece, essere il capolavoro di un ignoto artista o il frutto del genio di Leonardo da Vinci? Quali oscure vicende ci ha consegnato questa enigmatica stoffa? La scienza ha già dato esaurienti risposte; gli autori le presentano con linguaggio chiaro e preciso. La Sindone, però, è una reliquia molto particolare e sbigottisce sempre chi, per un verso o per l'altro, ci si imbatte davvero. Non è facile metterla da parte, disinteressarsene. Quel volto maestoso nella sofferenza intriga, affascina e spaventa. Presenza ineliminabile, la Sindone ripropone quesiti che condizionano ineluttabilmente la vita.