Georgia O'Keeffe

Georgia O'Keeffe

A partire dagli anni '20 - quando Georgia venne riconosciuta come una delle più importanti protagoniste del modernismo in America - fino alla sua morte, l'artista e le sue opere hanno attirato un interesse straordinario presso la comunità artistica e il pubblico americano.

Nonostante il grande riconoscimento guadagnato in America e in Europa, solo pochi dei suoi lavori sono stati esibiti al pubblico europeo. Artista e donna, Georgia O' Keeffe (1887-1986) incarna il mito americano di indipendenza, grandezza e individualismo. Le sue opere sono inconfondibili, così come l'accostamento dei colori: lo studio delle forme, la scelta dei toni e dei colori, il tratto sinuoso e sensuale del pennello si ripetono in giochi e combinazioni sempre nuove, ma mai completamente diverse. Nata nel 1887 da una famiglia di agricoltori e avvicinatasi all'arte fin da piccola, Georgia O'Keeffe iniziò i suoi studi a Chicago per poi proseguirli a New York. Dopo aver lavorato come grafica pubblicitaria e insegnante, dal 1918 si dedicò completamente alla pittura, grazie al sostegno finanziario del fotografo e gallerista Alfred Stieglitz, che sposò nel 1924 e col quale visse al 30° piano del Shelton Hotel a New York. Furono gli anni in cui iniziò a dipingere la Grande Città. Dopo molti viaggi per gli Stati Uniti, in seguito alla morte del marito nel 1946, si trasferì definitivamente nel New Mexico che tanto l'aveva ispirata.